Letture: Perché serve l’educazione, non il fisco (a cura di Massimiliano Trovato)

POL-Obesita

(2013) pp 264
ISBN: 978-88-6440-085-3
Prezzo: 18 €
Il volume è disponibile anche in formato e-book presso i seguenti rivenditori:
Amazon.it (Kindle)
eBooksItalia (ePUB)
Ebookizzati (ePUB/MOBI-Kindle)
Book Republic (ePUB)
Google Play (ePUB)
L’Introduzione di Massimiliano Trovato è liberamente disponibile qui (PDF).

Negli Stati Uniti e in Europa si moltiplicano i tentativi di contenere l’aumento degli obesi  utilizzando la leva fiscale. Ciò significa assoggettare a nuove imposte alcune tipologie di cibi. Ma è davvero in questo modo che si possono diffondere i principi della buona alimentazione?

Il volume indaga i presupposti e i risultati delle imposte sui vizi alimentari attraverso i contributi di economisti, giuristi ed esperti di politiche sanitarie: Alberto Alemanno, Ignacio Carreño, Katelyn Christ, Scott Drenkard, Edward Glaeser, Randall Holcombe, Lucia Quaglino, Matthew Salois, Franco Sassi, William Shughart II, Richard Tiffin, Gordon Tullock e Richard Williams.

Le loro analisi ci costringono a guardare oltre la demagogia. Le tasse sul vizio distorcono il mercato, riducendo la libertà di scelta dell’individuo consumatore; hanno tendenzialmente un impatto regressivo, danneggiando le fasce più deboli della popolazione; e sono spesso il frutto di pregiudizi e dell’influenza di gruppi di pressione. Soprattutto, le tasse sul vizio non raggiungono l’obiettivo prefissato, perché alimenti altrettanto dannosi esulano dal perimetro dell’imposta.

Una buona dieta presuppone scelte salutari e la piena consapevolezza dell’esito delle proprie decisioni a tavola.  Allora, se davvero si mira alla tutela della salute e non ai maggiori introiti per l’erario, sarà necessario prescindere da schemi concettuali opinabili, seppur dotati di buona stampa, e volgere lo sguardo a soluzioni alternative: soluzioni che richiedono un impegno tangibile sul versante dell’educazione  senza comprimere la libertà di scelta delle persone.

Recensioni e segnalazioni:
Il Giornale, 22 gennaio 2013: «Usare le tasse per far dimagrire i cittadini? La dieta la fa il portafoglio», di Matteo Sacchi;
Corriere della sera, 27 gennaio 2013: «Tassare i cibi cattivi? A dimagrire sono i conti delle aziende, non gli obesi», di Fausta Chiesa;
La Stampa, 30 marzo 2013: «Se metti la ciccia nei conti dello Stato», di Alessandro Barbera.
Largo consumo, gennaio 2014:  «Se il fisco grava sugli obesi»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...