WikiSpesa: Enti pubblici – “Enti inutili”

enti_inutili

Nella legge di Stabilità i risparmi sulla spesa pubblica previsti per 10 miliardi annunciati sono stati dimezzati a 5: un quarto della sola spesa per il personale degli enti pubblici. 10 miliardi è invece la stima del costo di quelli inutili, il cui numero esatto non è chiaro allo stesso governo.

Secondo il calcolo dell’Unione delle Province d’Italia (che ha condotto uno studio sugli enti inutili per consigliare di indirizzare i tagli verso strutture pubbliche diverse dalle stesse Province) gli enti inutili ammonterebbero fino a 3127. Di questi solo 49 sono stati soppressi e in tutti i casi mediante specifiche disposizioni e non invece con un riordino generale in grado di abbatterne i costi. Così resistono enti che vanno dall’Unione italiana Tiro a Segno fino al Centro piemontese di studi africani, dall’Istituto di beneficenza di Vittorio Emanuele III all’ Ente fiera dell’ascensione di Francavilla. Altri, come l’Ente nazionale della montagna, le cui funzioni si sovrappongono a quelle offerte dalle numerose comunità montane, sembravano aboliti ma hanno cambiato nome.

Con “enti inutili” si continua invece ad indicare quella voce di spesa che nessun governo finora è riuscito a ridurre ma solo a stimare e in modo approssimativo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...